Mauro Orlandi

Patologia:
Ernia del disco lombare

In data 22 dicembre 2016 ho iniziato ad accusare dolori molto forti alla schiena, ma non ho dato loro eccessiva importanza, dato il mio lavoro alla reception di un albergo, svolto sempre in piedi. Ho iniziato a prendere alcune compresse di antiinfiammatori, ma non avevano alcun effetto. Poi sono passato ad iniezioni di muscoril/bentelan e toradol: non c’era verso di farmi passare il dolore che dalla schiena si era propagato alla gamba sinistra lato anteriore. Ho lavorato sino al 25 dicembre compreso, con i dolori che aumentavano in maniera terribile. Il giorno 7 gennaio mi sono sottoposto a risonanza magnetica dalla quale mi veniva riscontrata ernia discale. Il medico che ha letto i dati dell’esame mi ha suggerito di sottopormi a fisioterapia e successivamente ad infiltrazioni ossigeno ozono. Ho seguito le indicazioni rivolgendomi ad un fisioterapista di mia conoscenza, riscontrando inizialmente un certo sollievo e, contemporaneamente, ho iniziato a sentir parlare del Dr. Pandolfi in quanto stava trattando un altro paziente (che conosco personalmente) con l’ozonoterapia al quale aveva dato un immediato riscontro positivo.
Dal canto mio presi quest’informazione accantonandola momentaneamente. Proseguii ancora qualche tempo a fare fisioterapia, cercando altre informazioni tramite altri medici che mi dessero qualche delucidazione sull’ozonoterapia, ma sembravano tutti all’oscuro sulla materia.
Decisi quindi di contattare lo studio dove si svolge l’attività del Dr. Sergio Pandolfi e fissai l’appuntamento per il 28 gennaio 2016.
Innanzi tutto venni sottoposto ad una visita accurata da parte del Dottore per stabilire se fossi idoneo all’ozonoterapia, dopodiché iniziò a farmi le infiltrazioni.
tengo a precisare che non riuscendo a sdraiarmi sul lettino me le ha dovute fare nella posizione semi prona (pancia e addome sul lettino e gambe giù).
Devo sottolineare che era da circa un mese che non riuscivo a dormire data la difficoltà per me di trovare una posizione antalgica, non ostante l’uso di cuscini tra le gambe ecc. Sin dalla prima infiltrazione ho avuto un immediato beneficio.
Il dolore si è attenuato e questo per me è stato una sorta di rinascita. E’ naturale che dopo la prima infiltrazione ne sono seguite altre 3 ogni 24 h. Già dopo le prime 4 sono riuscito a camminare di nuovo, certo per un lasso di 5/10 minuti, ma tenendo conto che prima dovevo essere accompagnato e sostenuto da qualcuno, il risultato era fantastico. Ora siamo arrivati al 25 febbraio e mi è stata effettuata la dodicesima infiltrazione, i dolori sono scomparsi.
Devo ringraziare il Dr. Pandolfi per la sua grande capacità professionale, il suo entusiasmo e la sua umanità a l quale porgo i miei più

Cordiali Saluti

In fede. Orlandi Mauro